l-inc

Lavoro e persone con disabilità: “La sfida è rovesciare il paradigma”

A cura di Ilaria Sesana, giornalista

Intervista a Carlo Lepri, psicologo e docente presso l’Università degli Studi di Genova.

“I problemi delle persone con disabilità non riguardano solo loro. Al contrario, la presenza

di lavoratori con esigenze speciali permette di ragionare di questioni che riguardano

tutti i cittadini”.

 

Rovesciare il paradigma, quando si affronta il tema dell’inserimento lavorativo delle

persone con disabilità, è complesso. È molto più facile partire dall’analisi di quello che

non funziona rispetto agli aspetti positivi e ai punti di forza di queste esperienze. I

dati ufficiali confermano questa visione pessimistica: solo il 19% delle persone con

disabilità nella fascia d’età 15-64anni ha un lavoro. Le esperienze negative, gli episodi di

cronaca, le denunce che ciclicamente emergono rispetto a questo tema confermano le difficoltà

con cui quotidianamente si devono confrontare le persone con disabilità quando,

curriculum alla mano, si recano in un ufficio per un colloquio di lavoro.

Tra i desideri delle persone con disabilità che stanno emergendo grazie al progetto Linc,

quello di lavorare è uno dei più sentiti. Da qui la necessità di fermarsi a riflettere su

questo tema con il prossimo seminario del 16 Maggio dal titolo “Ma va a lavurà” che si

terrà a Villa Forno a Cinisello Balsamo. Tra i relatori, Carlo Lepri dell’Università di Genova.

Rovesciare questo paradigma non è facile, ma è possibile. “Occorre innanzitutto precisare

che quello del lavoro è un tema su cui c’è grande sofferenza non solo da parte delle

persone con disabilità, ma da parte di tutti i cittadini, in modo particolare quelli più

giovani”, precisa Carlo Lepri, psicologo e docente presso l’Università degli Studi di Genova.

“Per prima cosa occorre rovesciare il paradigma secondo cui i problemi delle persone

con disabilità riguardano solo loro -sottolinea Lepri-. Al contrario, la presenza di lavoratori

con esigenze speciali permette di ragionare di questioni che riguardano tutti i cittadini”.

Pensiamo all’esempio, forse, più semplice: le barriere architettoniche. Un edificio

o un ufficio privo di barriere sono accessibili a chi ha una disabilità motoria permanente

(chi si sposta in carrozzina) ma anche a chi ha una disabilità temporanea o delle esigenze

particolari: “Spesso quello che è necessario per un lavoratore disabile diventa

utile per tutti”, puntualizza Lepri. Prima di analizzare il mondo del lavoro in senso stretto, però,

è necessario fare un passo indietro. “L’idea del lavoro è qualcosa che riguarda, per definizione, il

mondo degli adulti. Ma che inizia a farsi strada nel bambino e nel ragazzino già nel momento in

cui gli si chiede che cosa vuole fare da grande -riflette Lepri-. Stiamo iniziando a verificare,

anche tra le persone con disabilità, che il tema del lavoro inizia a essere presente anche

nei progetti di crescita e di vita, già a partire dagli anni della socializzazione primaria”.

“Si diventa grandi iniziando da piccoli -riprende Lepri-, il lavoro non può essere un

qualcosa che compare all’improvviso nella vita di una persona. Purtroppo questo accade

ancora molto spesso per le persone con disabilità. Essere in grado di lavorare, invece,

è un’attività complessa che richiede alcune competenze molto specifiche che maturano

nel corso degli anni, ad esempio la capacità di mettersi nei panni degli altri per

essere capaci a rispondere alle aspettative che ogni ruolo lavorativo porta con sé. Una

competenza che si forma nel tempo, attraverso i micro-ruoli che si acquisiscono durante

l’infanzia e gli anni della scuola: è importante che i bambini e i ragazzi con disabilità

non vengano esentati dai loro ruoli e dalle loro responsabilità. Grazie all’inclusione

scolastica questo elemento sta iniziando a funzionare meglio. Certo, le fatiche non mancano,

ma la strada ormai è tracciata”.

Ultimo passo, riguarda l’inserimento in azienda. Tenendo sempre presente la complessità

e le molteplici esigenze che devono essere affrontate in questa fase (una persona

con disabilità motorie ha esigenze diverse rispetto a chi ha una disabilità intellettiva)

uno degli elementi essenziali affinché l’inserimento lavorativo in azienda abbia un esito

positivo è il percorso di mediazione.

“Non si può chiedere alle persone con disabilità di assumere un ruolo lavorativo, magari

complicato, in modo immediato e brutale. Ci vogliono delle mediazioni, le persone così

come le aziende devono essere sostenute e accompagnate. In particolare le imprese

debbono essere aiutate a capire chi è la persona inserita, quali sono le sue competenze

e come includerla nel modo più idoneo. In altre parole: come mettere la persona giusta

al posto giusto”.

Un processo che richiede tempo e soprattutto il contributo di operatori, educatori e

professionisti che sappiano affrontare questo compito. “Cose molto positive succedono tutti

i giorni: se la mediazione viene fatta bene le persone con disabilità possono essere

produttive e portare anche un contributo emotivo all’interno dell’ambiente di

lavoro - conclude Lepri-. Questo vale sia quando l’inserimento avviene senza particolari

problemi sia quando il gruppo di lavoro è costretto ad affrontare e superare alcune difficoltà,

diventando così più attento e responsabile rispetto alle relazioni quotidiane nell’ambiente

di lavoro”.

 

 

Foto di <a href="https://pixabay.com/it/users/johnhain-352999/?utm_source=link-attribution&amp;utm_medium=referral&amp;utm_campaign=image&amp;utm_content=2009195">John Hain</a> da <a href="https://pixabay.com/it/?utm_source=link-attribution&amp;utm_medium=referral&amp;utm_campaign=image&amp;utm_content=2009195">Pixabay</a>